Archivi del mese: gennaio 2016

PUTIGNANO: La manutenzione strade fai-da-te

Niente affidamento all’esterno, il Comune acquista il materiale e affida i lavori ai dipendenti

Nell’ottica del «fai da te» adottato dall’amministrazione Giannandrea per il rifacimento della segnaletica orizzontale, con propri operatori e acquistando direttamente i materiali, senza quindi esternalizzare il servizio come di solito accade, il Comune ha deciso ha deciso di fare lo stesso per chiudere le buche nell’asfalto. Il principio è quello di acquistare direttamente i materiali presso aziende accreditate presso il Mepa, gestendo con proprio personale il servizio, anziché affidarlo ad una ditta esterna come accadeva in passato. Il lavoro viene infatti eseguito da una cooperativa già affidataria di servizi vari per conto del Comune di Putignano, coadiuvata da alcuni lavoratori in mobilità che percepiscono la relativa indennità direttamente dall’Inps.

Il tutto quindi, aggirando lungaggini e costi legati all’indizione di un’apposita gara. Perché dunque non adottare lo stesso metodo virtuoso all’annoso problema delle buche nell’asfalto, sovente causa di graSchermata 2016-01-11 alle 12.32.26vosi contenziosi per via delle numerose richieste di risarcimento per i cosiddetti «danni da insidie stradali»? A tal proposito il Comune ha dunque individuato un’azienda del Trentino alto Adige, la Beton Asfalti, che ha studiato un prodotto a freddo «KaltAsphalt Plus» pensato proprio per chiudere le buche stradali, diverso dal bitume a caldo normalmente utilizzato per il rifacimento dell’intero manto. Si tratta di una mescola ottenuta da materiale interamente riciclato costi- tuito principalmente da guaine di impermeabilizzazione dei lastrici solari. Non utilizza cioè il catrame e i soliti fissativi. Il principio è che una volta riversato e disteso il prodotto sulla buca, questi si compatta e si consolida per compressione, al passaggio degli stessi veicoli in transito. Un materiale abbastanza resi- stente anche al gelo e al sale che dovrebbe garantire interventi rapidi e con costi estremamente contenuti, per l’amministrazione.

Al momento sono stati acquistati 160 sacchetti da 25 chilogrammi ciascuno, per un totale di 1.700 euro, compresa la segnaletica stradale e l’equipaggiamento per la posa su strada. Si tratta inoltre di un prodotto «soddisfatti o rimborsati». L’azienda garantisce tale materiale al punto che, qualora l’amministrazione dovesse ritenerlo inefficace, ha la possibilità di chiederne il rimborso o la sostituzione. Ciononostante gli amministratori putignanesi hanno voluto testare questo nuovo conglomerato bituminoso con un tecnico inviato dall’azienda, anche per comprendere modalità e termini di impiego del medesimo.

l vicesindaco Daniele Gambardella, con il responsabile del procedimento, l’agente di polizia urbana Aldo Manfredi ed una pattuglia della polizia locale hanno osservato compiaciuti l’esperimento eseguito qualche giorno fa in via San Francesco D’Assisi, dove c’erano numerose buche e parti sgretolate del manto stradale. Così come già accaduto per il rifacimento «in proprio» della segnaletica orizzontale, anche la competenza economica di tali interventi, resta al momento della polizia municipale, perché inerente questioni di sicurezza stradale.

La comandante, nonché dirigente comunale dott. Maria Teresa Scalini, ha incoraggiato tale soluzione «fai da te» presso l’amministrazione Giannandrea, avendone condiviso con quest’ultima l’indubbio risparmio economico per acquisto di materiale e l’esecuzione dei lavori.

Fonte :

Gazzetta del Mezzogiorno – martedì 5 gennaio 2016 – pagina 39